MARCO FAIELLA, RESIDENT CHEF DEL RISTORANTE COLLINS
Come hai iniziato a fare lo chef? Descrivi il tuo percorso lavorativo in breve…
Da ragazzino seguivo la nonna e la mamma in cucina, curiosando e provando a carpire i segreti tramandati della famiglia. Col passare degli anni la mia passione è cresciuta, anche contro la volontà di mio padre che, da Carabiniere Sottufficiale, sperava per me una carriera nell’Arma. Durante il mio percorso ho cercato di immagazzinare tutte le nozioni apprese grazie alle mie esperienze lavorative, sia italiane che in giro per il mondo.
 
Quali ‘ingredienti’ ti hanno permesso di farcela?
La passione, la costanza e la volontà di non essere solo “uno che cucina” ma che a suo modo prova a fare cultura e a infondere piacere.
 
Qual è la caratteristica principale del tuo carattere?
La tranquillità e la capacità organizzativa.
 
Il tuo piatto preferito?
Tortellini in brodo della mamma.
 
Qual è l'ingrediente che usi di più in cucina?
Olio buono e umbro.
 
Quando non sei ai fornelli qual è la tua attività preferita?
La famiglia.
 
Il tuo rapporto con il cinema e il tuo film preferito.
Ottimo, sono appassionato di film e il mio preferito è “La grande guerra” con Sordi e Gassman.
 
Il tuo rapporto con la letteratura e il tuo libro preferito.
Buono. Per quanto riguarda la cucina mi piace l’Artusi, mentre per svago “Lettera a un bambino mai nato” di Oriana Fallaci.
 
Qual è lo chef che ammiri di più?
Gualtiero Marchesi.
 
Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
Essere sempre più importante per l’azienda, dando il massimo per raggiungere nuovi traguardi.
 
Hai mai usato la cucina come arma di seduzione?
Si, ed è una soddisfazione immane vedere l’ospite, che non è per forza la tua lei, ma anche il singolo cliente o la comitiva di turno, estasiato per ciò che gli si propone.
 
Il tuo motto?
La cucina è l’insieme di tradizione e innovazione e mai dare per scontato che ciò che facciamo sia capito ma provarci il più possibile.
 
 
                                  
 
5° TAPPA IMAF CHEFS' CUP 2014:
 
28 febbraio, Perugia
Ristorante Collins, HOTEL BRUFANI PALACE
CHEF ANGELO TROIANI (Ristorante Convivio Troiani) – CHEF GIULIO TERRINONI (Ristorante Acquolina Hostaria)
 
Resident Chef MARCO FAIELLA
 
 

Commenti